Quaresima 2020 – Ragazzi – PRIMO INCONTRO- EUROPA

 

L’inizio particolare della Quaresima 2020

È un caso senza precedenti, l’inizio della Quaresima i ragazzi a noi affidati lo faranno in casa, senza partecipare di persona, come tutto il resto della comunità, alla mensa eucaristica. Vorremmo comunque stare loro ACCANTO in tutti i modi che riteniamo possibili. E chiedere loro di non dimenticarsi di Dio, nella preghiera e con gesti di carità, trasformando una domenica così anomala e un primo giorno di Quaresima senza la messa, in un’opportunità di bene, in un’occasione per pregare personalmente e in famiglia, in una giornata speciale che sia davvero “domenica”, in tutte le forme possibili.

SVEGLIA 6:28!

APRI GLI OCCHI: FRASE DEL VESCOVO

NOTIZIA DEL GIORNO

I bambini europei, che da molti anni vivono lontano dalla guerra, ci parlano della pace che non è solo non fare la guerra; pace è amicizia, armonia, rispetto, gioia, coccole…Ci insegnano anche che non ci può essere pace se ognuno pensa solo a sé stesso, ma solo se sappiamo mettere in comune i nostri talenti e le nostre ricchezze.

APRI IL CUORE: #una Parola per oggi

Beati gli operatori di pace, perché saranno chiamati figli di Dio ( Matteo 5, 9)

Dialogo

Apostolo 1: io non capisco proprio perché Gesù non fa come tutti i maestri, che insegnano nel Tempio; con lui bisogna sempre camminare per tutte le strade.

Apostolo 2: dici bene, ne abbiamo fatta di strada con lui! Però devi ammettere che non tutti possono andare al Tempio; pensa a chi abita in Galilea ad esempio, lui ha voluto predicare e operare miracoli anche lì.

Apostolo 1: va bene d’accordo, però poi lui è passato anche dalla Samaria e dai pagani: quelli sono peccatori e dovevano stare lontano da lui, gliel’ ho anche detto, e invece fa di testa sua e noi sempre a camminare!

Apostolo 2: senti, se lui è il maestro e noi i discepoli che devono imparare ci sarà pure un motivo. Lui sa quello che fa e dovremmo ascoltarlo di più invece di metterlo sempre in discussione. Però oggi sono stanco anch’io. Camminare va bene ma era proprio necessario andare in cima alla montagna, dico io?

Apostolo 1: meno male che siamo arrivati e, ora che si è seduto, possiamo sederci anche noi e ascoltare quello che vuole dirci: guarda la gente che ci ha seguito, da quassù si vede bene quanti sono, forse per questo è salito così in alto, per farsi vedere bene da tutti. Mi ricorda Mosè che salì sul monte Sinai per ricevere le tavole della legge. Forse anche lui vuole darci delle regole da seguire, come una legge.

Apostolo 2: ascolta… “beati i poveri, gli afflitti, i miti, i misericordiosi, i puri di cuore, beati gli operatori di pace, perché saranno chiamati figli di Dio”.  Che strana legge, diversa da tutte quelle che conosciamo. Non la capisco bene.

Apostolo 1: neppure io. Però ti entra nel cuore perché non parla di divieti, castighi o punizioni ma ti annuncia la gioia, ti dice che sarai beato, felice se la metti in pratica. Ed è proprio vero che, se sei capace di costruire la pace con tutti, sei più felice tu e tutto il mondo. Cominciamo dagli amici e cerchiamo di non litigare fra noi, ci stai?

 

PREGHIAMO ACCANTO A GESU’

SAC. Nel nome del Padre del Figlio e dello spirito Santo

  1. Amen

SAC. Il Signore Gesù percorre ancora la via della croce e ci dimostra come è grande il suo amore per noi.

Tutti: Noi oggi decidiamo di stare accanto a lui per dimostrargli che anche noi l’amiamo e siamo pronti a seguirlo.

 

ACCANTO A TE CON PILATO

 

SAC.  Ti adoriamo o Cristo e ti benediciamo

  1. Perché con la tua santa croce hai redento il mondo

 

SacLettura dal vangelo secondo Marco

Pilato replicò: “Che farò dunque di quello che voi chiamate il re dei Giudei?  Ed essi di nuovo gridarono: “Crocifiggilo!” Ma Pilato diceva loro: “Che male ha fatto?” Allora essi gridarono più forte: “Crocifiggilo!”.  E Pilato, volendo dar soddisfazione alla moltitudine, rilasciò loro Barabba e, dopo aver fatto flagellare Gesù, lo consegnò perché fosse crocifisso.

 

Pilato: Gesù o Barabba? Quante volte in quei giorni mi è risuonata in testa questa domanda. Non ho avuto il coraggio di rispondere, ho preferito che gli altri scegliessero per me. Non vi è mai capitato di seguire il gruppo perché è più comodo o per non essere esclusi? Purtroppo, a mie spese, ho capito che bisogna sempre saper decidere con la propria testa, anche se costa fatica, anche se stare dalla parte di Gesù vuol dire perdere la faccia. Gesù o Barabba? Adesso saprei cosa rispondere; e voi?

 

  1. quando è facile adeguarsi al così fan tutti…

TUTTI.             AIUTACI GESU’ A FARE LA SCELTA GIUSTA

  1. quando in famiglia ci vengono chieste cose buone che ci pesano…

TUTTI.             AIUTACI GESU’ A FARE LA SCELTA GIUSTA

  1. quando non abbiamo voglia di pregare o di incontrarti la domenica a messa…

TUTTI.             AIUTACI GESU’ A FARE LA SCELTA GIUSTA

 

INSIEME:

Grazie, Gesù,
per gli amici del mio gruppo.
Grazie per i nostri educatori
che sono i nostri amici più grandi.
Benedicili per il tempo
che trascorrono con noi
aiutandoci a diventare più amici
tra noi e con te.
Aiutaci tu a stare insieme
come piace a te.
Aiutaci a non rattristare nessuno,
ma ad accogliere tutti con gioia.
Grazie, Gesù,
perché nel nostro gruppo
ci sei anche tu e ci chiami
ad essere tuoi amici.

 

IMPEGNO: questa domenica cerco di non mancare alla messa e di stare molto attento alla lettura del Vangelo. Voglio scoprire cosa Gesù ha da dire proprio a me, come suo amico.

 

PADRE NOSTRO – CANTO FINALE

 

 

Total Page Visits: 142 - Today Page Visits: 1