Mercoledì DELLA I SETTIMANA DI QUARESIMA

Gen 3,22-4,2 / Sal 118 (119), 9-26 / Pr 3,11-18
VANGELO
Lettura del Vangelo secondo Matteo. Mt 5, 17-19
In quel tempo. Il Signore Gesù diceva ai suoi discepoli: «Non crediate che io sia venuto ad abolire la Legge o i Profeti; non sono venuto ad abolire, ma a dare pieno compimento.
In verità io vi dico: finché non siano passati il cielo e la terra, non passerà un solo iota o un solo trattino della Legge, senza che tutto sia avvenuto. Chi dunque trasgredirà uno
solo di questi minimi precetti e insegnerà agli altri a fare altrettanto, sarà considerato minimo nel regno dei cieli. Chi invece li osserverà e li insegnerà, sarà considerato grande
nel regno dei cieli».

Gesù non è venuto ad abolire la legge ma a darle pieno compimento. Quando una legge può dirsi compiuta? Quando viene osservata. Gesù con la sua vita ha fatto
proprio così, si è inserito nel contesto socioculturale del suo tempo e ha osservato la Legge e i Profeti riconducendo tutto a due nuove leggi, che noi oggi chiamiamo leggi dell’amore:
1) Amerai il Signore Dio tuo con tutto il cuore, con tutta la tua anima e con tutta la tua mente.
2) Amerai il prossimo tuo come te stesso.
Si è poi sospinto oltre consegnandoci l’evoluzione delle precedenti:
Amatevi gli un gli altri come io vi ho amati.
In questo tempo di Quaresima ci stiamo avvicinando al gesto inaudito di un Dio che dona tutto se stesso a noi per Amore. Prepariamoci ad accogliere questo dono, convertendo il nostro cuore dalle incoerenze che ci abitano, perché anche noi siamo chiamati a fare altrettanto… siamo chiamati ad Amare del Suo stesso Amore.
Preghiamo
Se dovessi scegliere una reliquia della tua passione,
prenderei proprio quel catino colmo d’acqua sporca.
Girare il mondo con quel recipiente
e ad ogni piede cingermi dell’asciugatoio e curvarmi giù in basso,
non alzando mai la testa oltre il polpaccio
per non distinguere i nemici dagli amici
e lavare i piedi del vagabondo,
dell’ateo, del drogato, del carcerato, dell’omicida,
di chi non mi saluta più, di quel compagno per cui non prego mai,
in silenzio, finché tutti abbiano capito nel mio il tuo amore.
(Madeleine Delbrel)

Total Page Visits: 152 - Today Page Visits: 1