Il Quaresimale dei ragazzi – II Incontro

I PIEDI DI UN ATLETA

Sac. Signore Gesù, insegnaci a stare con i piedi per terra perché tu possa alzare il nostro sguardo verso il cielo; perché questo ci hai insegnato: accorgerci dei bisogni dei nostri fratelli e camminare con loro verso te.

 

FILMATO: Giusy Versace, con fiducia per andare oltre i propri limiti

 

ASCOLTIAMO Dal vangelo di Matteo

Ordinò ai discepoli di salire sulla barca e di precederlo sull’altra sponda, mentre egli avrebbe congedato la folla. La barca distava già qualche miglio da terra ed era agitata dalle onde, a causa del vento contrario.  Verso la fine della notte egli venne verso di loro camminando sul mare.  I discepoli, a vederlo camminare sul mare, furono turbati e dissero: “È un fantasma” e si misero a gridare dalla paura.  Ma subito Gesù parlò loro: “Coraggio, sono io, non abbiate paura”.  Pietro gli disse: “Signore, se sei tu, comanda che io venga da te sulle acque”.  Ed egli disse: “Vieni! ”. Pietro, scendendo dalla barca, si mise a camminare sulle acque e andò verso Gesù.  Ma per la violenza del vento, s’impaurì e, cominciando ad affondare, gridò: “Signore, salvami! ”.  E subito Gesù stese la mano, lo afferrò e gli disse: “Uomo di poca fede, perché hai dubitato? ”.

 

ASCOLTIAMO L’APOSTOLO PIETRO

Che emozione quel giorno quando Gesù mi ha detto “vieni” e io ho provato ad essere come lui, a fare le stesse cose straordinarie che faceva lui, come camminare sull’acqua. A volte noi uomini riusciamo ad andare oltre i nostri limiti, anche quelli che spesso ci vengono imposti dalle difficoltà della vita, dalle malattie, dagli incidenti. La nostra forza di volontà e il nostro sacrificio, uniti all’impegno, ci portano davvero lontano, lungo la strada della vita. Eppure, spesso basta un niente perché tutto venga meno, come è successo a me quel giorno: la paura di non farcela mi ha scoraggiato, mi è venuta meno la forza, e così ho rischiato di annegare. Mi consola pensare che la mia salvezza è stata la mia fiducia in Gesù: quella sì che non mi è mai venuta meno! Con Gesù al nostro fianco tutti possiamo fare cose grandi e straordinarie, magari diverse da quelle che pensiamo. Io sognavo di camminare sulle acque ma poi questa cosa non mi è più successa: anzi, Gesù mi ha chiesto di tenere i piedi ben piantati per terra per portare a termine il compito grande e straordinario che aveva in mente per me: prendermi cura della sua Chiesa e guidarla. Ciascuno di noi ha il suo piccolo miracolo da vivere, la sua straordinaria missione, da compiere  e ci riesce solo se non lascia mai la mano di Gesù e percorre, con costanza e fatica, la  strada che Dio ci indica.

 

ASCOLTIAMO

 

VIA CRUCIS   –   GESU’ CADE SULLA VIA DEL CALVARIO

 

Sac.   Ti adoriamo Cristo e ti benediciamo

Tutti:          perché con la tua santa croce hai redento il mondo

 

Sac. Ti esalterò signore perché mi hai risollevato, non hai permesso ai miei nemici di gioire su di me. Signore, mio Dio, a te ho gridato  e mi hai guarito. Signore hai fatto risalire la mia vita dagli inferi, mi hai fatto rivivere perché non scendessi nella fossa. (dal salmo 30 )

ASCOLTIAMO L’APOSTOLO PIETRO

Tutti possiamo scoraggiarci e cadere, tutti possiamo sbagliare, non è questa la cosa peggiore. Il brutto è quando ci facciamo prendere dall’orgoglio e rifiutiamo l’aiuto per rialzarci. Quando siamo stanchi e sfiduciati, delusi dai nostri errori, sappiamo che la mano di Gesù è pronta a ridonare coraggio. Non respingiamola!

PREGHIAMO

LETTORE:   Signore, sei caduto eppure hai trovato il coraggio di rialzarti e andare avanti,

TUTTI:                  Aiutaci a essere coraggiosi come te.

LETTORE:   Signore, quando siamo tristi, stanchi e delusi, quando non abbiamo fiducia in te,

TUTTI:                  Aiutaci a essere coraggiosi come te.

LETTORE:   Signore, quando ci costa fatica impegnarci per aiutare chi è in difficoltà,

TUTTI:                  Aiutaci a essere coraggiosi come te.

CANTO FINALE

Scarica in PDF il Quaresimale dei ragazzi

Total Page Visits: 406 - Today Page Visits: 1