I POSTI IN CHIESA

Una raccolta di bozzetti di vita parrocchiale disegnati con grande ironia. Mario Delpini, Arcivescovo di Milano, racconta con affetto un mondo che ben conosce, quello che gravita attorno alla chiesa, alla canonica, all’oratorio con tutti i suoi attori e comprimari: il sacerdote, i giovani, i membri del consiglio parrocchiale, i volontari, le catechiste, i devoti zelanti…Un mondo con tanti difetti, perché fatto da persone diverse e con i propri limiti, ma ricco di umanità e aperto a tutti.

I POSTI IN CHIESA

Dispersi nella grande chiesa i devoti stanno al loro posto. Il Carlo e la Carla sono seduti vicini, ma a tre panche di distanza dalla Giuseppina: non si parlano più. La Maria è isolata al suo posto: non si muove neanche per lo scambio della pace: “Vado in chiesa per lo pregare, non per fare confusione”.

Le prime tre panche sono vuote: non credo si tratti del reverenziale timore di Dio. Sulle ultime due sedie prendono posto Mirko e Marco: non si sa se aspettano che finisca la messa o che esca di chiesa la Lucia.

Quando si celebra la messa per il povero Antonio si presenta tutta la famiglia, con parenti e conoscenti però dai posti che occupano capisci subito che la divisione dell’eredità ha lasciato divisioni e rancori.

I posti in chiesa dicono molte cose. Il parroco si è stancato di dire: “Venite davanti: non c’è nessun pericolo! Stiamo più uniti: i canti e le preghiere riescono meglio. Scambiatevi il segno della pace”. Il parroco guarda i devoti e sospira. I posti in chiesa gli raccontano di beghe, inerzie, estraneità. E prega: “Dona la pienezza dello Spirito Santo perché diventiamo un cuore solo e un’anima sola”.

Per ora la Maria non s’è mossa. Chissà? Forse domani?

“Con il dovuto rispetto dell’arcivescovo Mario Delpini”

Total Page Visits: 686 - Today Page Visits: 1